NEWS:

DELIRIO BIZZARRO

Spettacolo Vincitore del Bando Forever Young 15.16

TRAILER

primo studio 21 luglio 2016 Festival “L’Emilia e una notte” La Corte Ospitale di Rubiera 

debutto 22/23 0ttobre 2016 Festival Vie, Arena del Sole di Bologna 

11-12 gennaio 2017 Teatro NO’hma, Milano

21-22 gennaio 2017 Tan Teatro, Napoli

28 gennaio 2017 Casa Babylon, Pagani (Salerno)

3-5 febbraio 2017 Teatro Vittorio Emanuele, Messina

Stampa:

Renato Palazzi_ilsole24ore

Stefano Serri_concretamentesassuolo

Alessandro Toppi_Il PickwicK

Emanuela Ferrauto_dramma.it

Ester Formato_Pac

Francesco Bove_l’armadillo furioso

Viviana Santoro_voxzerocinquantuno

Giacomo Guidi_gufettopress

Renata Savo_Scene Contemporanee

Martina Vullo_Pac

Giulio Sonno_paperstreet


DE REVOLUTIONIBUS -sulla miseria del genere umano 

da due operette morali di Giacomo Leopardi: “Il Copernico” e “Galantuomo e Mondo”

Spettacolo Vincitore Teatri del Sacro 2015

TRAILER

18 e 19/11/16 matinée e serale per Teatro San Teodoro, Cantù

30/11/16 Teatro Stabile dell’Umbria, Corciano

10-11/12/16 Teatro dei Naviganti, Messina 

1/4/2017 Teatro Tedacà, Torino

6-8/4/2017 Teatro della Tosse, Genova 

4/5/2017 Gocce 2017_Teatro Nuovo, Varese 

Stampa:

Igor Vazzaz_Lo sguardo di Arlecchino

Anna Bandettini_Repubblica

Renato Palazzi_Del Teatro

Giulio Sonno_Paperstreet

Renzia D’Incà_Rumorscena

Alessandro Toppi_Il Pickwick

Francesco Bove_L’ Armadillo Furioso

Ester Formato_PAC

Matteo Brighenti_Doppio Zero

Mosè Previti_Lalleru

Mario Bianchi_Klp

Daniele Rizzo_Persinsala

Stefano Cangiano_Gaia Italia

Elena Tondo _Teatrionline

Miriam Arensi_voceditalia

Adelio Rigamonti_sondalife


La TRILOGIA SUL LIMITE  è composta dai primi tre spettacoli della Compagnia:

Due passi sono, T/Empio e Conferenza Tragicheffimera

INTERVISTA TRILOGIA SUL LIMITE_MEMO RAI 5

L’intero progetto è stato presentato, per la prima volta per intero, nel Cartellone del Teatro Stabile Vittorio Emanuele di Messina nei giorni 8/9/12 aprile 2015.

Teatro/Tribunale/Ex Manicomio: la scena tra il pubblico, il pubblico in scena

La grande opportunità e scommessa è stata quella di rendere un’opera di partecipazione attiva pronta a comprendere anche gli spettatori: gli spettacoli sono stati infatti realizzati in luoghi assai unici quali il Tribunale e l’ex Manicomio della città, superandosi ogni limite e confine istituzionale per integrare e meglio valorizzare temi e funzioni, per un’opera d’arte condivisa, definendo gli estremi di un’opera teatrale urbana. Un progetto di Teatro itinerante che è giunto nei luoghi della socialità, come fosse un abbraccio culturale dello spazio cittadino: una de-costruzione del concetto di teatro nella logica di una ri-contestualizzazione dell’arte nel mondo.

“Tutto comincia dal limite, perché, come diceva il grande regista polacco Tadeusz Kantor (quello de “La classe morta”) «è dal limite che nasce l’opera d’arte». E l’arte supera il limite: dei luoghi comuni come dei luoghi fisici, della morale come degli impedimenti burocratici, della fantasia come dell’oppressione. Ciò è utile, stimolante ma non è mai consolatorio se è davvero di arte che parliamo, perché ci lascia in eredità il dubbio. È vero, però, che, se il limite fa nascere l’opera d’arte, il dubbio fa (ri)nascere la vita, ci porta a uno sguardo interiore che poi ci fa vedere diversamente (o forse ci fa vedere tout court) ciò che è fuori di noi. La “Trilogia sul limite”, proposta da Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi nel cartellone del Vittorio Emanuele, ottiene questo risultato. Ci invita tutti a pensare, a rivalutare, a riguardare, insomma a riaprirci ai dubbi, autentica strada per ritrovare la creatività personale. Non lo fa con il dramma, con le tinte forti, con la pesantezza degli argomenti. Parte da tre dialoghi di Platone (“Simposio”, sull’amore; “Eutifrone” sulla giustizia, e “Ione”, sull’arte), eppure mantiene una cifra stilistica che è la leggerezza, anzi ancor meglio la lievità. Questa è una categoria estetico-artistica che rischia di cadere con facilità nel vuoto del nulla. Invece, la compagnia Carullo-Minasi la maneggia con grande abilità per trattare i temi fondamentali dell’esistenza, scherzando e parlando sul serio, ironizzando su miserie dell’anima e tragedie quotidiane, applicando a Platone anche qualche passo (elegante) da avanspettacolo sugli equivoci di una conversazione che nella troppa serietà, applicata ai nostri tempi frettolosi, potrebbe far smarrire il filo del ragionamento”. Vincenzo Bonaventura, Gazzetta del Sud  


DUE PASSI SONO

Spettacolo Vincitore Premio Scenario per Ustica 2011, Premio In-Box 2012, Premio Internazionale Teresa Pomodoro 2013 

TRAILER                                                                                                                 

26 novembre 2016 – Centro Teatrale Umbro, Gubbio

11 febbraio 2017 – Koreja, Lecce

11 marzo 2017 – Teatro di Cascina, Pisa
 6 maggio 2017 -Teatro Periferico di Cassano Valcuvia (VA)
————————————————————————-
Vincitore Teatri del Sacro 2013 
————————————————————————-
 Vincitore E45 Fringe Napoli Teatro Festival 2013 
16 dicembre 2016 – Centro d’Arte e Cultura La Dispoli (RM)_Direzioni Altre, Twain c.p.d.
————————————————————————-
Laboratori: L’attore e l’oggetto:prove semiserie d’attore/autore
21/22/23 gennaio 2015 – Officina Teatro, Caserta
13/14/15 marzo 2015 –  Viandanze,  Desenzano sul Garda
7/8 novembre 2015 – Teatro del Lido, Ostia
31marzo, 1 e 2 aprile 2016 -Pim Off, Milano